15 gennaio 2018

Ciao Dolores, see and hear you in heaven - 15th January 2018


Human Spirit (2007)

Don't let life consume you
It could eat you up inside
Can you see the human spirit?
Tell me why should I have to hide

And with my heart in my hand
And with my hand upon my heart
And with my heart in my hand
It's not like we planned

Don't betray your lover
You will just betray yourself
Can you see the human spirit?
Is there emptiness inside

And with my heart in my hand
And with my hand upon my heart
And with my heart in my hand
It's not like we planned

6 gennaio 2018

Heavy bombardments by Syrian warplanes on blocks of flats in Harasta, Damascus (January, the 2nd, 2018)


Recensione a: Ragazzo Negro di Richard Wright (Einaudi)


Autobiografia dello scrittore di colore Richard Wright che a inizio Novecento cresce e diventa uomo nella società americana follemente razzista. Molto vividi i ricordi dell'infanzia: la casa nel Sud, le figure parentali autorevoli e irragionevoli, la religiosità fanatica e primitiva, lo sgomento costante di un bambino di fronte al pensiero fatalista, rassegnato e limitato dei propri congiunti. 
Una storia piena di vita e di ricerca: Wright, oltre a dover svolgere i più disparati mestieri per sopravvivere, crebbe pieno di curiosità e spirito critico e cercò costantemente di studiare, leggere, comprendere i meccanismi dell'esclusione e dell'oppressione che relegavano ai piedi della scala sociale non solo i neri americani ma anche la totalità della classe lavoratrice più umile. 
Non si tratta di un'indagine sociologica: vale molto di più; si tratta di un lungo racconto in prima persona in cui con lucidità Wright, nel raccontare le proprie vicissitudini e difficoltà quotidiane, restituisce le emozioni, le sorprese e le delusioni che può incontrare chi - partendo dal nulla di una condizione di svantaggio culturale e materiale - cerca di farsi largo o, quantomeno, di ritagliarsi uno spazio, in un mondo ostile. Contemporaneamente, e questo ha reso straordinaria la sua esperienza, l'autore ci fa rivivere il suo impegno costante a capire come funziona ii mondo in cui si trova gettato, mondo che viene ricreato e mantenuto dal modo distorto di ragionare delle persone (pregiudizi, divieti non scritti, barriere, ostracismi ecc). Lucida la sua capacitò di leggere le motivazioni altrui e le relazioni, la meschinità dell'agire sia di bianchi che di neri.
Un testo che giustamente Einaudi proponeva in edizione per la scuola e che anche oggi è lettura consigliata, a mio avviso, per i ragazzi di scuola media o del biennio superiore.
Scorrevole la lettura grazie alla buona traduzione.

2 gennaio 2018

1 gennaio 2018

Corriere Spazzatura (rubrica)


Le proteste di piazza in Iran di questi giorni sono sobillate dai conservatori contro il notoriamente "democratico" Rouhani. Questa la perla di ieri del Corriere Spazzatura. Ma la linea scelta dalla redazione è stata quella di ignorare gli sviluppi delle defunte primavere arabe (Egitto e Siria) ed è difficile ora scrivere qualcosa di sensato ed informato riguardo alla vita sotto una dittatura (che esista anche una sociologia della dittatura è cosa che non sfiora minimamente alcuna penna del Corriere): dunque la rivolta viene ora derubricata a protesta violenta nello stile delle Riots in Gran Bretagna nel 2011 o Banlieu di Parigi del 2005.
E' lo stesso Corriere che ci parla di fake news.

29 dicembre 2017

On Anna Muzychuk's coherence and european idolatry for the Iranian regime


European mainstram media have just elected Ann Muzychuk as the new champion of women rights after she decided not to fly to Saudi Arabia to play the World Chess Tournament. She also stated in her facebook page that she didnt want to wear what the saudis want and - listen - "not feel herself a secondary creature". Last february nevertheless our ukranian heroin played another World Chess Event in Tehran (see the pics above and below), really standing for her principles, as you can read here.
Muzychuk dressing emancipated in Tehran last February

The saudi event has been boycotted by another american top player - named Nakamura if someone cares - again with a public statement, probably to show solidarity with israeli and qatari players who were denied visas by saudi authorities. 
No need to say all those people have spent their whole lives just looking at a board and happily play tournaments all over the year in Russia and China (and Iran too, as we have seen) without saying a word to support women rights, civil rights, children rights, free speech, free chess, anything.

If you have watched the online streaming you would have noticed that no female players had to wear any kind of veil. Did't Muzychuk know or she is just a liar? we can ask her.

A pic showing female players without any hijab

A picture of the chinese winner in Saudi Arabia, with no veil

22 dicembre 2017

14 dicembre 2017

Cognizione e metacognizione - Per il biennio del Liceo Scienze Umane

Anzitutto bisogna capire che cosa fa parte della “cognizione” secondo la psicologia.
La conoscenza che l’individuo ha dei sui processi cognitivi viene poi chiamata metacognizione. Queste le aree in cui si suddivide generalmente la cognizione in psicologia: Memoria, Attenzione, Ragionamento. A cui si possono aggiungere: Comprensione, Produzione del linguaggio parlato e scritto e Percezione.  
Queste attività mentali sono distinte tra loro. Dipendono da aree cerebrali situate in zone diverse nella corteccia: e infatti, danni specifici a determinate aree, anche piuttosto circoscritte, portano a specifici deficit: questo è un principio fondamentale della neuropsicologia. Così ad esempio le amnesie sono provocate da danni all’ippocampo, le afasie negli adulti sono provocate da danni all’emisfero sinistro come negli infarti cerebrali o ictus; invece, disturbi del movimento come il Parkinson sono provocati dalla degenerazione di nuclei sottocorticali, ecc.
Per quanto riguarda le emozioni, queste non vengono considerate propriamente “cognizione” dal momento che dipendono da nuclei sottocorticali come l’amigdala e l’ipotalamo. Inoltre, le emozioni si “sentono” mentre un calcolo matematico è qualcosa che si fa “a mente” (cognizione).


Fatta questa introduzione vediamo alcuni esempi per ciascuna delle attività cognitive menzionate,  su cui si può esercitare un certo controllo volontario (detto appunto metacognitivo).

Attenzione:
più siamo attenti meglio rispondiamo agli stimoli ambientali; così se stiamo attenti allo scattare del verde siamo più veloci a partire al semaforo; lo stesso avviene agli sprinter nelle gare di atletica; se invece in quel momento siamo intenti a canticchiare una canzone e la nostra attenzione non va alla luce del semaforo, siamo molto meno pronti. Dunque le “risorse attentive” correttamente indirizzate possono rendere più efficace, più selettiva la nostra percezione (sia visiva che uditiva). 
Anche in compiti di “ricerca visiva” l’attenzione è implicata: quando cerco una parola nel dizionario (cartaceo) sto utilizzando l’attenzione, lo stesso al supermercato se scorro gli scaffali e tengo a mente “Pasta Barilla” e cerco qualcosa di colore blu scuro, lo trovo più velocemente. Quindi l’attenzione è simile a una “energia” in più che possiamo impiegare per rendere un più efficace la percezione.
L’attenzione è comunque una risorsa limitata: se ascolto la musica difficilmente riesco a concentrarmi su un testo scolastico; quando sono nel traffico caotico di una città dove non sono mai stato, mi viene naturale abbassare il volume della radio per non farmi distrarre (infatti la voce dello speaker attirerebbe automaticamente una parte della mia attenzione). Se invece sto facendo un lavoro manuale (stendo i panni, preparo la tavola) che non richiedono concentrazione, posso tranquillamente ascoltare la musica. E’ cioè esperienza comune quella di sperimentare l’interferenza tra due fonti contemporanee di stimolazione sia quando occupano lo stesso canale sensoriale (es. uditivo, due persone che mi parlano di cose diverse nello stesso momento) sia quando tali fonti sono in “formato” diverso ma tutte e due richiedono una elaborazione cognitiva complessa (cercare visivamente la strada sconosciuta + sentire la musica).
L’attenzione ha un limite anche in senso temporale: dopo un certo tempo non riusciamo più a prestare attenzione a un certo stimolo; è una forma di affaticamento differente dalla stanchezza fisica. 

Metacognizione relativa all’attenzione (non si dice meta-attenzione):
L’attenzione è tra i processi cognitivi che si utilizzano anche nello studio. Viene di solito suggerito in un ambiente non distraente, né per il rumore né per stimoli visivi (tv, giardino).
Molto utile è imparare a monitorare il proprio livello di attenzione, per esempio durante una lezione o mentre si legge il libro, per accorgersi di quando il limite temporale è stato superato e non si è più efficaci nel focalizzarsi sul messaggio letto o udito.
La definizione di metacognizione (secondo alcuni testi scolastici) include due aspetti: 1) la conoscenza metacognitiva ovvero ciò che il soggetto sa circa il funzionamento dei propri processi cognitivi e 2) l’autoregolazione (o processi metacognitivi di controllo). E’ proprio attraverso l’attenzione che io posso accorgermi e controllare quanto sono efficace in questo preciso momento nello studio, attivando l’attenzione non solo al materiale di studio ma anche al mio processo di comprensione. L’attenzione può essere spostata ora fuori di me, al materiale, ora dentro di me, sui processi di comprensione che sto attuando.

Memoria:
Primo esempio.
Si può fare un esperimento del genere: il prof legge una volta otto non-parole: TRUP, ORGO, ZOLTO, NITA, ERPI, LONA, POLE, ARNE; dopo circa 10 minuti trascorsi in un’altra attività (esercitiamo la MLT non la MBT) gli studenti singolarmente provano a ricordarle (ad esempio ne ricordiamo tre). Facciamo passare un’ora o anche un giorno, ripetiamo l’esercizio con queste altre otto parole: COLTELLO, CUCCHIAIO, FORCHETTA, TOVAGLIOLO, BICCHIERE, PIATTO, SCODELLA, PENTOLA; è facile verificare che, di nuovo dopo 10 minuti, gli studenti ne ricordiamo anche 5 o 6. La differenza tra il primo e secondo esperimento sta nel fatto che la seconda lista è formata di parole legate tra loro da un senso o significato.

Anche i primi studi sul ricordo di racconti, effettuato da Bartlett (1932) evidenziò questo aspetto, del resto abbastanza ovvio: se ci viene raccontata a voce una favola, ci ricordiamo poi la trama più facilmente che non i dettagli; alcuni di questi vengono proprio omessi ma altri, assieme ai nessi logici tra gli avvenimenti, vengono “ricostruiti” o ipotizzati/indovinati nel momento in cui si cerca di rievocare quanto ci è stato letto. Si parla di natura ricostruttiva della memoria anziché semplicemente “riproduttiva” o fotografica.

Metamemoria:
Alla base di tutte le teorie (conosciutissime in psicopedagogia da Gardner a Ausubel) che parlano dell’apprendimento significativo stanno esperimenti come il precedente. Trasferendoci nello studio quotidiano, capiamo che è più facile ricordare delle informazioni se siamo riusciti a costruire tra di esse dei nessi logici, come se tutte le cose andassero al loro posto all’interno di un discorso. (Ecco la difficoltà per docenti e studenti di utilizzare certi libri…. in cui le connessioni tra i vari paragrafi o addirittura tra i capoversi sono deboli). Anche quando si ripete oralmente ad un'altra persona quel che si è studiato, siamo costretti a ricercare dei collegamenti tra i vari “pezzi”, proprio per comporre un discorso e farlo seguire al nostro uditore. “Ripetendo” invece in solitudine non è facile accorgersi quando il discorso “non fila”. 

Memoria:
Secondo esempio.
Esemplifichiamo il fenomeno dell’interferenza. Cerco di memorizzare la password nuova della carta di credito (una sequenza di numeri). Ma nel momento in cui la devo digitare al bancomat il mio dito si muove per abitudine a formare la password scaduta. Ciò succede perché l’informazione vecchia “non lascia posto” a quella nuova. Si osserva che l’interferenza avviene tra informazioni della stessa “natura” o formato: la password scaduta ha interferito con il ricordo della nuova perché entrambe erano numeriche. Con la password nuova non ha infatti interferito la password vecchia del portatile che è invece formata da due parole.


Metamemoria:
Se cerchiamo di evitare fenomeni di interferenza non studieremo Aristotele subito dopo aver letto Platone altrimenti alla fine, anche se ricorderemo in generale varie cose dette e fatte da entrambi, non riusciremo a attribuirle correttamente a uno o all’altro dei due. Si tratta di una strategia basata sul punto 1 della def. di metacognizione (rivedere).

Comprensione del testo scritto
Supponiamo di leggere un romanzo con la descrizione di una stanza: con l’immaginazione visiva ci formiamo un’idea di come sono disposti i mobili e i vari oggetti. Ci creiamo un’immagine mentale e utilizziamo anche le nostre conoscenze pregresse sul mondo: se c’è un tavolo nella stanza ci aspettiamo una sedia, se si parla di “scrivania” ci aspettiamo un cassetto, se si parla di “libreria” capiremo che si parla di un “certo mobile con scaffali orientati in verticale” e non di un “negozio di libri” collocato all’interno della stanza, ecc..


Infatti nel processo di comprensione di un testo utilizziamo automaticamente le informazioni che possediamo da quanto appreso nelle righe già lette, facciamo inferenze, verifichiamo la coerenza tra gli elementi del testo (capiamo subito se la descrizione della stanza è realistica o meno, ad esempio). Così se leggiamo un racconto  e incontriamo un personaggio che è morto qualche pagina prima ci viene spontaneo tornare a controllare nelle pagine precedenti (strategia di studio) qual era il nome del personaggio effettivamente morto oppure inferiamo (= deduciamo) che l’autore sta parlando del fantasma di quel tal personaggio (deduzione che possiamo fare se stiamo leggendo un romanzo o un fantasy ma che non faremo se stiamo leggendo un libro di storia). Fin a qui stiamo descrivendo il processo di “comprensione del testo”.

Metacomprensione
Per quanto riguarda la metacomprensione, è bene monitorare con l’attenzione come sta andando la nostra lettura, se abbiamo percepito incoerenze, trovato parole sconosciute, se il testo presuppone che conosciamo già bene un concetto o un processo che invece non ricordiamo (utile anche per biologia non solo per materie discorsive). In questo caso utilizzeremo la componente n. 2 della definizione di metacomprensione (rivedere).  
Infine, sempre legate alla comprensione del testo scritto, sono da menzionare alcune strategie per la lettura. Quando leggiamo un brano, possiamo leggerlo in vari modi: da cima a fondo come un romanzo oppure scorrendolo velocemente per cercare una parola chiave (ricerca visiva guidata dall’attenzione). Si può anche scorrere il testo rivedendo i titoli dei paragrafi in fase di ripasso per verificare di sapere di cosa si parla in ciascuno; la lettura a salti può avvenire anche in fase iniziale per orientarsi all’interno di un capitolo per capirne la struttura in paragrafi (per es. : spesso si inizia con una parte generale e poi nelle pagine seguenti si va a parlare dei vari elementi menzionati nell’introduzione).

13 dicembre 2017

Vieni a Marghera (di Aldo Tagliapietra)


Vieni a Marghera dentro i fuochi della notte
terra di luna che la mano getta via.
Fiore bruciato, un paradiso senza santi
che fa annegare disperate fantasie.


Vieni a Marghera dove il mare si abbandona
dolce sirena che respira le paure.
Nebbia malata, un'altalena di vapori
per un deserto che profuma di motori.


Troverai queste mani ad aspettare
dalla polvere tu raccoglierai
i tesori che non hai.
Troverai ciminiere tutte nere
nei tramonti chiari tu vedrai
solo ombre intorno a noi, intorno a noi.


Vieni a Marghera con la maschera sul viso
cielo di sale che si scioglie su di noi.
Suoni d'acciaio. Un'autostrada senza luci
così chiudendo gli occhi noi saremo eroi.

(cantata da Ciuke e i Aquarasa nel 2003, testo e musica di Aldo Tagliapietra)